Mauro Marè

ER VIAGGIA'
All'estro? Fussi matto.
Io me lo covo dentrocasa
 er foco de forivia
a ogni cantone trovo un monno novo
chiuso dentro a le cose serrate ne l'istessa istessità
fiume dell'ore e una foresta d'aria
la porvere imbriaca dentro a un tajjo de sole
a la persiana...
E ppoi chi je lo dà dda magnà ar gatto?
All'estro? Fussi matto. 


TESTAMENTO
Me piacerebbe d'esse seppellito,
magara doppo morto, in cima a un colle,
senza la cassa, a pelle co' le zolle,
in pizzo ar mare, limpido e infinito.

E ar posto della croce un arberello,
che sia piantato sull'istessa tera,
de limone, così che a primavera,
quanno er mare è più liscio e brillarello,

se spargerà er profumo tutt'attorno,
vieranno le farfalle cò l'ucelli
a sugamme li fiori tenerelli
e sarò alegro, giorno doppo giorno...

e allora canterò: "Fior de limone...
la vita è un soffio, un mozzico, un sospiro,
co' la morte diventerà un respiro,
un profumo, 'na brezza, 'na canzone".